Spiaggia dei conigli: confermata tra le spiagge più belle del mondo

Spiaggia dei conigli: confermata tra le spiagge più belle del mondo

Si sa, dopo il lungo inverno, riaffiora nella mente di chiunque il desiderio di tornare a vivere quelle belle giornate di sole, distesi sulla sabbia del mare. 

Come ogni anno, contribuisce ad aumentare questa lunga e irresistibile voglia la classifica relativa alle migliori spiagge in Europa e nel mondo. 

Ebbene tra le acque più cristalline, le sabbie più bianche e tra le coste più affascinanti di tutto il globo, in realtà non bisogna percorrere migliaia e migliaia di chilometri per vivere un’esperienza indimenticabile in una delle spiagge più belle e paradisiache del nostro pianeta. 

Tutto quello che si deve fare, è volare in Sicilia per raggiungere più precisamente l’isola di Lampedusa.

Qui a rappresentare la spiaggia più bella d’Europa e l’unica spiaggia italiana entrata in classifica tra le più belle di tutto il mondo c’è La spiaggia dei Conigli, immersa all’interno di una riserva naturale protetta nell’arcipelago delle Isole Pelagie.


Un mare a 5 Stelle

In realtà questa spiaggia, non è del tutto nuova a riconoscimenti così importanti: per numerosi anni è stata eletta come spiaggia più bella d’Italia e d’Europa, e già lo scorso anno è entrata a far parte tra i riconoscimenti degli utenti di tutto il mondo. 

Questa meravigliosa oasi azzurra si affaccia proprio di fronte all’Isola dei Conigli, un lembo roccioso di 4,4 ettari, alto 26 metri, sul quale da diversi anni l’uomo non mette più piede.

Fiore all’occhiello della Riserva naturale Orientata, questa baia incontaminata viene gestita dal 1995 da Legambiente, per preservare la flora e la fauna presente all’interno del suo contesto naturale.

Sull’isola infatti, fanno sosta per nidificare oltre a tantissime specie di uccelli migratori, le colonie autoctone dei Gabbiani Reali, e le tartarughe marine Caretta Caretta.

tartarughe isola dei conigli


Le origini della Spiaggia dei Conigli

Riguardo alle origini del nome “Spiaggia dei Conigli”, ancora oggi non è dato sapere con esattezza qual è la storia alla base.

Probabilmente potrebbe trattarsi di un errore linguistico, visto che nella prima carta nautica redatta dal capitano Smith rinvenuta nel 1824, l’area venne denominata “Rabit Island”, (in arabo Rabit significa “collegamento”) come plausibile riferimento all’istmo sabbioso formatosi a causa della bassa marea che collegava l’isolotto alla costa. 

Da qui l’errore, poiché secondo le ricostruzioni, sembrerebbe che dalle cartografie successive, il nome fu trascritto con due b (Rabbit) e dunque tradotto non più in lingua araba, ma inglese (coniglio).

Secondo altri invece il nome fu attribuito per via di una colonia di conigli che un tempo abitò l’isola, proprio grazie alla formazione temporanea dell’istmo sabbioso. 


Vivere un mare blu di emozioni

Raggiungere la Spiaggia dei Conigli significa immergersi in un vero e proprio paradiso a cielo aperto. 

Sabbia bianca, coste frastagliate e una distesa d’acqua cristallina, accompagnano un luogo pluripremiato che merita di essere vissuto appieno.
Sei pronto a scoprire la Spiaggia dei Conigli?

Trova le migliori offerte su Prenotaitaliano.

Mirco

Related Posts

Visitare le isole Egadi

Visitare le isole Egadi

Un’estate sulla riviera romagnola

Un’estate sulla riviera romagnola

Un soggiorno a Marina di Camerota

Un soggiorno a Marina di Camerota

Il Gargano: Guida alle bellezze dello Sperone d’Italia

Il Gargano: Guida alle bellezze dello Sperone d’Italia

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.